L’ Ospedale Psichiatrico di Volterra è nato nel 1887 ed è stato chiuso nel 1978.

L'ospedale è un insieme di grandi case (padiglioni) immerse nella natura e, come emerge dai racconti di chi ci ha vissuto, è sempre stata una struttura aperta. I ricoverati dell'Ospedale erano liberi di andare in paese, poco distante, per trascorrere del tempo al cinema o nei caffè per fare compere o passeggiare. Erano presenti anche dei laboratori artigiani dentro l’ospedale.

Alcuni pazienti-maestri andavano nei poderi limitrofi all’istituto per insegnare a leggere e a scrivere ai figli dei contadini, altri erano impiegati negli uffici tecnici del manicomio o nella contabilità.

In pratica ai malati venivano assegnate mansioni in base alle loro capacità, e non c’ era una evidente separazione tra malattia e (cosiddetta) normalità. In questo modo i matti riuscivano a essere un po’ più normali, e i normali un po’ più matti. Il mettersi in relazione faceva bene a tutti.

Mi piace l'idea di far vedere le persone che hanno vissuto dentro l’ospedale psichiatrico insieme a quelle che hanno vissuto o che vivono ancora oggi a Volterra: a parte lo stato di abbandono in cui versa la struttura, che la rende inquietante, mi sembra di vedere una speranza in questo dialogo ininterrotto tra normalità e follia.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3839.jpg

Ritratto di un ex-paziente.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3828.jpg

Mani del mio ex-paziente preferito, anche se non tifo Milan.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3816.jpg

Una delle case dell'ex-ospedale.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3969.jpg
La vecchia sala cucine del padiglione Charcot
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3878.jpg

Ritratto di due ex-pazienti. Uno diceva di aver ucciso un uomo.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3939.jpg

Vista dal letto di un paziente.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3947.jpg

Le cartelle cliniche dei pazienti sparse a terra.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3918.jpg
Una stanza del padiglione Charcot
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3951.jpg
 
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3899.jpg
Il linguaggio della follia di Oreste Nannetti
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3959.jpg

Un muro dell'ospedale

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3965.jpg

Un 'normale' che sembra pazzo.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3961.jpg

Una 'normale' dentro al manicomio

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3942.jpg
Un 'normale' che mi fotografa
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3943.jpg

Un 'normale' dentro al manicomio

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3813.jpg

Un ex-paziente fotografa sopra di me.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3858.jpg

Due ex pazienti non sereni.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3860.jpg

Due ex pazienti sereni.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050072.jpg

Somiglianze.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3830.jpg

Le finestre dell'ospedale con un ex-paziente davanti.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3962.jpg
 
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3850.jpg

Ritratto del mio ex-paziente preferito.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050064.jpg

La mia colazione arancione.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050070.jpg

Un volterrano arcigno.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050079.jpg
Una 'normale' che produce e vende bambole e dipinti sgargianti
 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050065.jpg

L'artigiano normale che voleva bene ai matti.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050069.jpg

Un artigiano 'normale' che lavorava i metalli dentro al manicomio.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GGB_3992.jpg

Un'artigiana normale con gli occhi chiusi.

 
http://www.guidobaroncelli.com/files/gimgs/th-58_GB050046.jpg

Io sdoppiato